Scegli la lingua Italiano Inglese Seguici sui social network Seguici su Facebook Seguici su Instagram Seguici su Youtube Izi.travel Tripadvisor Scarica l'app Scarica l'app Scarica l'app Iscriviti alla newsletter Iscriviti alla newsletter

Museo Archeologico di Saturnia - Manciano - Le colline dell'Albegna



Indirizzo

Via Italia - Saturnia

Il museo

Recentemente riallestito, accoglie nei locali di un complesso scolastico in disuso la collezione archeologica della famiglia Ciacci, formata fra la fine dell’Ottocento e gli anni ’30 del Novecento. Molti reperti dovrebbero essere riferibili all'attività di ricerca e scavo svolta da Riccardo Mancinelli negli anni tra il 1895 e il 1903 che esplorò in maniera sistematica, pur senza darne un’adeguata documentazione, i principali centri etruschi delle valli del Fiora e dell’Albegna, scoprendo la necropoli di Poggio Buco, e sepolcreti a Pitigliano e a Sovana. Ma è all’esplorazione di Saturnia che il Mancinelli dedicò più interesse, grazie alla collaborazione prestata dalla famiglia Ciacci che gli permise di investigare le necropoli etrusche nei pressi della città. Le acquisizioni più recenti furono invece, probabilmente, il corredo funerario scavato da R. Bianchi Bandinelli in località Pianetti di Montemerano nel 1927 e le terrecotte di Poggio Sugherello, rinvenute nel 1932. I materiali di Sovana e Poggio Buco è probabile che siano invece da riferire a regalie offerte ai Ciacci da contadini e proprietari di queste zone, come nel caso dei reperti preistorici di Botro del Pelagone o dell’oinochoe etrusco-corinzia.

Attività

visite guidate

Bookshop

Accessibilità diversamente abili

Parzialmente accessibile

Orario

Momentaneamente chiuso per lavori 

Prezzo

Entrata gratuita

Contatti

Info e prenotazioni: 0564-601550    0564-625342
Email: mancianopromozione@gmail.com
Web: http://mancianopromozione.com/territorio/area-di-manciano/scopri-saturnia/bagno-secco/museo-archeologico-collezione-ciacci-di-saturnia/
Web: www.comune.manciano.gr.it

Mappa


Photogallery





scarica la versione pdf scarica la versione pdf

« indietro